sabato, gennaio 31, 2015

Hit Parade - 2 - Hitparade

Black - "Wonderful Life"



Here I go out to see again
the sunshine fills my hair
and dreams hang in the air
Gulls in the sky and in my blue eyes
you know it feels unfair
there's magic everywhere

Look at me standing
here on my own again
up straight in the sunshine

No need to run and hide
it's a wonderful, wonderful life
No need to laugh and cry
it's a wonderful, wonderful life

Sun in your eyes
the heat is in your hair
they seem to hate you
because you're there
and I need a friend
Oh, I need a friend
to make me happy
not stand here on my own

Look at me standing
here on my own again
up straight in the sunshine

No need to run and hide
it's a wonderful, wonderful life
No need to laugh and cry
it's a wonderful, wonderful life

I need a friend
oh, I need friend
to make me happy
not so alone.......
Look at me here
here on my own again
up straight in the sunshine

No need to run and hide
it's a wonderful, wonderful life
No need to laugh and cry
it's a wonderful, wonderful life

No need to run and hide
it's a wonderful, wonderful life
No need to run and hide
it's a wonderful, wonderful life
wonderful life, wonderful life


lunedì, gennaio 05, 2015

David Bowie, alieno perfetto

L'uomo che cadde sulla Terra



Che lo si voglia o no, è una parabola dello straniero (inglese:"alien") che alberga in ciascuno di noi.

Per
Bowie, il ruolo della sua vita. Nessuno poteva riuscire più convincente di lui nei panni dell'extraterrestre!


Tratto dall'omonimo romanzo di Walter Tevis (in Italia pubblicato da Mondadori nella collana 'Urania'), questo è uno dei tre-quattro film-cult del regista Nicolas Roeg che lasciò perplessi, al suo apparire, i soliti critici di scuola conservatrice, mentre entusiasmò molte menti giovani e - inutile dirlo - contribuì ad accrescere la fama di David Bowie quale "alieno".



Qui Roeg raffina il linguaggio che gli è proprio, un linguaggio basato su un accostamento di immagini apparentemente slegate tra di esse (episodi fonico-visivi che nel loro insieme costituiscono una storia compiuta). In tempi meno lontani, troviamo riscontro di questa - in senso lato - tecnica narrativa in un'altrettanto splendida pellicola "stravagante", ovvero Barton Fink dei Fratelli Coen.





In The Man Who Fell To Earth la storia c'è, su questo non si discute; l'unica questione su cui tuttora si dibatte è se questo particolare film rientri o meno nel filone della fantascienza. Secondo me, come tutti i prodotti "cult" (vedi Arancia meccanica), anche L'uomo che cadde... sfugge felicemente a ogni tentativo di cataloghizzazione.
E' proprio la maniera di raccontare di Roeg che crea difficoltà a quegli spettatori che - ancora oggi - non sono del tutto abituati a questa sorta di cinematografia (e ciò a quasi mezzo secolo da Otto e mezzo di Fellini!).



E' importante che un artista, quando lo voglia, possa trasgredire le regole "classiche" della struttura rigida, prendendosi la libertà di accostare immagini di carattere simbolico, frutti - in apparenza - di un onirismo gratuito, di... sì... surrealismo. (I dipinti di Dalì sono ad effetto sicuro, anche se non cadono mai nel cliché; e film come L'uomo che cadde sulla Terra oppure Insignificance dello stesso regista sono diventati oggetti di adorazione proprio per l' "obliquità" della constructio e per la predominanza di immagini surreali).
In letteratura abbiamo numerosi esempi di opere che "rompono" con le regole comuni. Questo non significa però che tali libri non raccontino una storia o che essi siano un unico pastiche! Persino dietro all'apparente "spontaneità" di On The Road è riconoscibile una costruzione rigidamente aritmetica. (A proposito di Kerouac: il suo vero capolavoro è Doctor Sax, non On The Road. Ma... ssst! Non rivelatelo a nessuno.) 


 

In definitiva, di che cosa parla questo film datato 1976? Presto detto. Bowie interpreta un alieno ("Thomas J. Newton") che atterra sul nostro pianeta nella speranza di poter salvare il proprio, che si sta vieppiù trasformando in un unico deserto. Essendo dotato di conoscenze tecnologiche sconosciute ai terrestri, comincia a capitalizzarle con l'aiuto di un avvocato (peraltro molto sospettoso nei suoi confronti), arrivando a fondare un'immensa multinazionale. Ma la sua permanenza sulla Terra ha effetti deleteri sul suo corpo e sulla sua psiche, e nemmeno l'amore di una donna (pressoché perfetta l'attrice Candy Clark!) può farlo sentire meno estraneo al nostro mondo. Alla fine Tommy/David soccombe sotto la mercizzazione totale di cui siamo già schiavi noi, e il suo sogno di costruire un'astronave che lo riporti sul suo pianeta (e qui si inserisce il personaggio dell'ingegnere, interpretato dal fantastico Rip Torn, che in quello scorcio di tempo girava film dello spessore di Tropico del Cancro) svanirà miserabilmente. Una certa organizzazione del governo americano (la CIA? Meglio non dirlo, non si sa mai) scopre in Tommy l'alieno che lui in effetti è (mentre si spacciava per cittadino britannico) e lo sottopone a una serie di test che gli rovineranno gli occhi, costringendolo a restare per sempre quaggiù. 


 

Un consiglio: leggete pure il romanzo di Tevis; è un piccolo capolavoro a sé stante. 
                    

              


                        Il DVD su Amazon.it

lunedì, dicembre 29, 2014

Il prossimo Presidente della Repubblica Italiana. Il totoscommesse impazza

Il totopresidente, o toto quirinale, sta facendo registrare un gran numero di followers...





Su Facebook, Daniele Martinelli (giornalista indipendente, ex portavoce-stampa del M5S che adesso osserva i grillini dall'esterno, appoggiandoli ma anche criticandoli) ha appena comunicato:

"Il pentastellato Danilo Toninelli dichiara a Repubblica che se la 'rete' lo volesse, voterebbe Romano Prodi per il Quirinale. --- Io voglio credere che la 'rete' sceglierà qualcuno lontano dai partiti e soprattutto dall'euro."

Martinelli dunque storce la bocca a pensare a uno come Romano Prodi al Quirinale. Io invece non sarei contrario. Ma dico che l'elezione del "Mortadella" è impossibile. Anzitutto perché... antiberlusconiano.



Ricordiamoci: Prodi aveva in Europa, e nel mondo, le più alte credenziali quando era premier. I guai veri per l'Italia iniziarono proprio quando lui venne silurato dal Corruttore di Arcore: è da allora che navighiamo nel vortice infernale del bilancio in negativo e delle bacchettate sulle dita impartiteci da Bruxelles.
Come Presidente della Repubblica, "il Mortadella" sarebbe una garanzia di equilibrio e sobrietà. D'altro canto, però... Noi vogliamo uscire dall'Europa, e dall'euro (per diventare europei per davvero, non perché ci sentiamo estranei al Vecchio Continente e alla sua cultura; usciamo perché abbiamo capito che l'UE, così com'è, è una montatura di banche e multinazionali) e, in tal contesto, il buon "pretino" al Colle sarebbe un'assurdità.

Quali candidati dunque?

Ci sarebbe Gino Strada, in primis. Medico altruista, persona onesta. Il quale ha già fatto sapere: "Io non sarei il Presidente di tutti, ma solo dei giusti." A-ah. Strada non può piacere ai furbetti al potere, dunque. 

E penso a Dario Fo, Umberto Eco, Riccardo Muti (ma forse sono troppo vecchi, e troppo felici di essere già quel che sono per compromettersi nel merdaio che sappiamo)... Ci vuole insomma un uomo neutro, non un mestierante della politica... anche se le colonne della cultura sono assolutamente affini alla Sinistra.



Ma le speculazioni mentali e gli indovinelli non portano a nulla: il totoscommesse ha una sua ragione di essere solo se si considera la realtà dell'italica, maccheronica politica, in quanto - come sempre - saranno le forze maggioritarie, o meglio i capi di codeste, capaci come abbiamo visto di 'diktat' antipopolari, a scegliere il Numero Uno dello Stato; e non l'opposizione o l'insieme dei cittadini oppure le reti civiche.
Già, il prossimo Presidente sarà nuovamente un trombone, vedrete. Nascerà infatti sotto il segno del Patto del Nazareno. Sarà qualcuno che dovrà impartire (finalmente!) l'agognata grazia allo Gnomo, non scordiamocelo. (Ma perché? Perché lui si presenti apparentemente candido davanti a San Pietro?? No, io credo che il desiderio di Berlusconi sia il solito capriccio di un ego troppo grande per essere contenuto tra una cervice catramata e un rialzo di scarpe.)

Ho il sospetto (e forse il desiderio neppure tanto segreto) che Renzi e il suo padrino di Arcore si siano accordati su un nome: quello di Emma Bonino...

http://it.wikipedia.org/wiki/Emma_Bonino


La biografia di questa donna in fondo mette d'accordo tutte le fazioni maggioritarie, in quanto la Emma (che tra l'altro lotta o ha lottato per la legalizzazione della marijuana... eheheheh) ha avuto spesso alti incarichi in organizzazioni umanitarie internazionali, e non è mai stata veramente una di Sinistra, anzi: ha militato pure nelle Case delle Libertà (ovvero una coalizione del Centro-Destra) e, similmente a molti ex Radicali italiani, è passata vertiginosamente da una parte all'altra dello schieramento parlamentare e viceversa. Dunque: una bandiera al vento per quel che riguarda il mondo dei partiti, e perciò coerente alle idee fumose e da voltagabbana di tanti (tutti?) rappresentanti di FI, PD, DC et similia.

Per il suo impegno a 360° nelle faccende della giustizia umana e della parità dei sessi, d'altronde, lei ha tutte le carte in regola per farci fare una figura non proprio barbina nel mondo. Durante il Governo Prodi è stata  Ministro per il commercio internazionale e per le politiche europee. Leggo poi su Wikipedia che, nel gennaio 1995, "fu indicata dal primo governo Berlusconi come Commissaria Europea e le furono assegnati i portafogli della politica dei consumatori, della politica della pesca e dell’Ufficio Europeo per l’Aiuto Umanitario d’Urgenza (European Community Humanitarian Office, noto anche come ECHO)".
Si schierò a favore dell'intervento militare in Kosovo, cosa che le alienò il supporto di parte del mondo non-violento e pacifista. Ma allora lei precisò che il pacifismo finisce là dove iniziano i soprusi.
Fu anche il primo membro della Commissione europea a mettere piede in Bosnia dall'inizio della guerra nei Balcani, con la volontà di denunciare l'impotenza dell'Europa e il disinteresse dell'ONU dinanzi al protrarsi del conflitto e all'allargarsi della '"pulizia etnica"...

Nei due emisferi geopolitici, quindi, la Bonino sa muoversi, eccome. Ha combattuto contro il genocidio in Ruanda, e in Afghanistan venne addirittura arrestata perché contro i Talebani. E' inoltre una fervida antagonista delle mutilazioni genitali femminili, pratica molto diffusa nei Paesi Arabi e nel mondo mussulmano in genere.
Il suo nome per il Quirinale circolava già nel 1999 (poi venne eletto Azelio Ciampi...). Nel 2013 è nato sul web un "comitato Emma Bonino Presidente" che ha ottenuto le adesioni di importanti nomi del mondo della cultura e dello spettacolo come Sergio Castellitto, Margherita Hack, Marco Bellocchio, Luca Argentero, Geppi Cucciari, Renzo Arbore, Achille Occhetto, Luca Barbareschi, Imma Battaglia, Toni Garrani, Remo Girone.

https://www.youtube.com/watch?v=tvxUIVoexF0

https://www.change.org/p/emma-bonino-prossimo-presidente-della-repubblica

E il suo nome, lo sottolineo, è noto in Europa e nel cosmo intero per le sue battaglie egualitarie e i diritti umani. E' stata inoltre Ministro degli affari esteri nell'ambito del governo Letta...

Ammesso e non concesso che l'Italia acquisterebbe un po' di lustro agli occhi di tanti osservatori esteri se, come Capo di Stato, avessimo una donna, non credo che, all'infuori della politica, ci siano altri candidati con tante credenziali come lei.



Ma lasciamoci sorprendere! Conoscendo anche i vizi e i lazzi di cui sono capaci tipi come Silvietto e Matteuccio, è pure possibile che, per qualche arcano motivo, persino Emma Bonino sia per loro troppo "scomoda".
Forse i due cari padroni del Belpaese (o ex tale) preferiscono un ennesimo personaggio (semi)mafioso, magari con tanto di accertata lunga appartenenza allo schieramento berlusconiano.

E i grillini? Sarebbero d'accordo con la Bonino, loro?



Torniamo indietro di due anni e qualcosa:
"Se il Movimento 5 Stelle farà boom (come quello dei favolosi anni '60), il prossimo presidente non sarà un'emanazione dei partiti, come la Bonino".
Questo disse Beppe Grillo commentando l'avvicinarsi della scadenza del (primo) mandato di Giorgio Napolitano. Il movimento pentastellato allora fu in subbuglio, discutendo i nomi di Romano Prodi e di Emma Bonino. Poi si sa come andò a finire: venne rieletto il vecchio Giorgio... (che pur si rifiutava di concedere la grazia al fantastiglioso proprietario di Mediaset.)

I grillini (come me del resto) vedrebbero volentieri, al Colle, qualcuno che non sia inficiato con la "vecchia politica". Soprattutto Prodi è malvisto. Tra i nomi proposti dai pentastellati, anche stavolta: la Gabanelli (che non ha un passato all'interno della politica, e anzi, proprio per questo...) e, con forte convinzione, Rodotà e Zagrebelsky (economista il primo, giurista il secondo; ma entrambi non distanti dalla Sinistra per le loro idee, e dunque certamente invisi non solo al Berluska ma sicuramente anche al democristiano - perché altro non è - Renzi).

Secondo un sondaggio proposto dalla rivista online QNM ("magazine online di lifestyle maschile"), la classifica dei più probabili candidati all'elezione è così composta: al primo posto Pietro Grasso, poi Paolo Gentiloni (rampollo di una famiglia di nobili che militò nell'estrema sinistra; attualmente Ministro degli affari esteri), Mario Draghi, Walter Veltroni, Pier Carlo Padoan, Graziano Del Rio, Franco Marini, Silvio Berlusconi (horribile dictu!), Valerio Onida e, al decimo posto, Massimo D'Alema. Seguono poi, sempre in ordine di classifica: Gianni Letta, Casini, Amato e Zagrebelsky. Per trovare il nome di una donna, bisogna aspettare la 15sima posizione, occupata da Laura Boldrini.

Una donna? La Boldrini? E non la Bonino in testa a questa categoria???




Sono comunque apparsi persino Piero Fassino (sindaco di Torino) e Anna Finocchiaro. Ah già: e Roberta Pinotti, presentemente Ministro della Difesa...



Rimettiamoci al volere dello Gnomo e del Bimbominkia. Il Patto del Nazareno è, a conti fatti, un partito all'interno degli schieramenti parlamentari. Mentre la barca Italia affonda, il Diumvirato trama giochetti da nursery, divertendosi da matti (l'uno nei propri studi televisivi e sul campo di allenamento del proprio club calcistico, l'altro jettando a spese dei contribuenti e twittando all'impazzata). Renzusconi appioppierà di sicuro, alla già esausta cittadinanza, un personaggio scolorito, imbolsito...

Emma Bonino Presidente(ssa) della Repubblica sarebbe già un bel sogno, dunque.




sabato, dicembre 13, 2014

E' morto Ralph Giordano

Scrittore ebreo e commentatore della vita sociale e politica della Germania, si è spento giovedì a Colonia, all'età di 91 anni, dopo una caduta in casa e un inutile trasporto in ospedale. Ne ha dato annuncio la casa editrice Kiepenheuer & Witsch.
Giordano era nato ad Amburgo da padre siciliano e madre ebrea. Da giovane venne perseguitato appunto per l'origine semita della madre. La Gestapo lo torchiò a più riprese. Se riuscì a sopravvivere al periodo nazista fu perché, insieme ai genitori e a un fratello, rimase nascosto nella cantina dell'abitazione di un amico di famiglia.
Dopo la guerra entrò nel partito comunista, ma lo abbandonò nel 1957 disilluso dal regime stalinista. Continuò comunque a lottare sempre contro l'estrema destra e le intemperanze razziali. Scrisse 23 libri, molti dei quali sono divenuti bestseller sia in Germania sia all'estero.
Nel 1964 era entrato come giornalista nella WDR (terzo programma della Germania Occidentale), lavorandovi fino al 1988. Dopodiché divenne libero scrittore, componendo la cronaca delle sue esperienze sotto la croce uncinata.
Tra i suoi libri più celebri, la saga dei Bertini, che racconta le vicende di una famiglia italo-tedesca dal tardo XIX secolo fino alla Seconda Guerra Mondiale; e Sizilien, Sizilien! Eine Heimkehr ("Sicilia, Sicilia! Ritorno a casa").

Quest'anno c'è stata una vera e propria morìa di prominenti intellettuali tedeschi. Tra di loro: Stefanie Zweig, Walter Jens, Wolfgang Leonhard.

domenica, novembre 09, 2014

Muro di Berlino - voi festeggiate, tanti altri no




... Qualche ora prima, Guenther Schabowski, capo della sezione del partito comunista a Berlino e responsabile per i rapporti con la stampa del Comitato centrale della Sed ha annunciato che la gente avrebbe potuto recarsi per viaggi privati all'ovest senza restrizioni. Un evento che cambia la storia.

A Berlino la notizia si diffonde con una velocità degna delle moderne tecnologie e una folla immensa si riversa davanti al Checkpoint...



Il Muro di Berlino non è mai caduto; anzi! E' ancora più alto di prima e ormai getta la sua ombra finanche al di là dell'Oceano.
(Peter Patti, 2001)



******

******



Il 9 novembre 2009 scrivevo:

9 novembre... e a festeggiare sono solo gli italiani

Capisco che la Caduta del Muro venga vista in Italia con grande entusiasmo, anche dopo 20 anni... i media nostrani ci tengono che la gente viva in una sorta di nebbia permanente, una nebbia che fa travisare la realtà...
Anche in questa ventesima ricorrenza, TV e stampa del Belpaese decantano l'avvenimento usando frasi fatte quali "Il 9/11/1989 fu il giorno in cui finì per davvero la Seconda Guerra Mondiale", "Il giorno in cui nacque definitivamente l'Europa moderna", "Il giorno in cui tanti popoli - non solo quello tedesco - si liberarono delle catene"... Strano però che nessuno di questi giornalisti vada a informarsi in loco, parlando personalmente con gli autoctoni e pubblicando poi il resoconto fedele delle interviste: in tal modo, gli italiani apprenderebbero che quasi tutti gli ex cittadini della DDR (chiamati con disprezzo "Ossis", da "Ost" che significa Est) oggi affermano a gran voce: "Stavamo meglio prima, sotto il presunto regime. Chi voleva studiare poteva studiare; ti davano il lavoro, non dovevi cercartelo tu; non c'erano lo stress e le paure di oggi...". E, in quanto ai "Wessis" (quelli dello pseudodorato "West", cioè Ovest), loro già agli inizi degli Anni Novanta andavano dicendo: "Ricostruite il Muro, ricostruitelo più alto di prima". Potete immaginarvi dunque quello che dicono adesso che, per colpa della fatidica "libertà globale", per colpa del crollo di quel sistema opposto con cui il capitalismo doveva confrontarsi, hanno perso la maggior parte dei loro diritti, non hanno più un lavoro oppure devono faticare per 1000 euro o poco più in concorrenza con manodopera tedesco-orientale, kazaka, rumena e chi più ne ha più ne metta.
E perché, inoltre, questi nostri giornalisti tacciono sul fatto che la Caduta del Muro è la causa principale di numerose mini-shoah quotidiane? In Germania, infatti, ogni giorno perdono la vita o vengono comunque mandate all'ospedale decine e decine di stranieri e di altri "diversi"... Quest'odio inveterato per chi ha un aspetto alieno o semplicemente la pensa diversamente dai "normopati" è un fenomeno che si è diffuso a partire proprio da quel 9/11/1989.
Smettetela dunque con le celebrazioni. A Berlino e nei vari Bundesländer, a parte quella gnoma della Merkel e i suoi amici che sono a capo delle multinazionali, non ha voglia di festeggiare proprio nessuno. L'Unità tedesca è stata una vittoria per pochi (quelli che nuotavano già nell'oro) e una sconfitta, amara e umiliante, per il grosso della popolazione - sia Ossis che Wessis.
  



Il "doodle" per il ventennale della Caduta del Muro (2009)


... e il 13 agosto 2011:

Muro di Berlino: 50 anni di ipocrisia


Mezzo secolo fa veniva inaugurato il Muro di Berlino, de facto linea di demarcazione tra "il ricco e dorato" occidente e il "paradiso di contadini e operai" - rappresentato da DDR e dagli altri Paesi del Patto di Varsavia. Oggi si tirano le somme dell'apertura (avvenuta nel 1989-1990), e i risultati sono catastrofici nei confronti dell'Ovest: sotto il socialismo (quello di Brezhnev, non quello di Stalin) si stava molto meglio! Parola di tanti ex cittadini della Germania Orientale e degli altri Stati "rossi".

Berlino fu divisa in due il 13 agosto 1961. Stamani, a cinquant'anni di distanza, davanti al Memoriale della Bernauer Strasse (una delle vie che vennero tagliate in due dal Muro), il Presidente della Repubblica Federale Tedesca, Christian Wulff, ha pronunciato un discorso commemorativo in presenza della Cancelliera Angela Merkel e del sindaco della metropoli Klaus Wowereit.

Di una cosa Wulff non ha non potuto e mai potrà parlare: del grado di degradimento raggiunto dalla Germania - e dall'intero Ovest europeo - da quando la presunta Unità ha distrutto gli ultimi baluardi di utopia socialista. All'ombra del Muro, a Berlino, così come nel resto della Germania, c'erano piscine e impianti sportivi disponibili anche ai meno abbienti, il lavoro non mancava, le scuole, le poste e le ferrovie funzionavano in maniera proverbiale... Oggi, senza quella storica barriera, la vita è un folle arrangiarsi, un nuotare nella melma. Solo i furbetti riescono a mantenersi a galla; un po' come succede in Italia.
 

La divisione tra due sistemi politici garantiva un certo obbligo, da parte dei burocrati e degli oligarchi, a trattare bene la cittadinanza e a rispettare i lavoratori, quasi sottintendendo: "Vedete? Noi non siamo di meno dei comunisti...". Venuta a mancare la necessità del raffronto (filosofico e non solo politico) con l'altra parte, ecco che gli altolocati maiali possono fare i loro... porci comodi.


              
Tra i "porci comodi" è inclusa l'importazione in massa di manodopera staniera: operazione spinta agli estremi durante il governo del Cancelliere Helmut Kohl con il pretesto di dover "salvare" masse di persone di presunta discendenza tedesca - che la storia aveva relegate in Romania, nella provincia del Volga, in Kasachistan, ecc. Lo scopo reale: tenere sotto scacco operai e contadini tedeschi e togliere dignità al lavoro (per tacere della certezza del lavoro).
Alle varie ristettezze imposte dal governo democristiano la Germania reagì mandando Kohl in pensione e votando il socialdemocratico Gerhard Schröder. Ma fu un clamoroso buco nell'acqua: Schröder - tradendo i principi basilari della socialdemocrazia - smantellò completamente lo Stato sociale. Per la cronaca: finì la carriera come consigliere d'amministrazione di diverse imprese di energia. (Similmente a Berlusconi, anche lui passò per "amico" di Putin.)



Insomma, la Caduta del Muro è stata il trionfo dei lobbisti e dei gruppi d'interesse; in una parola: dei corruttori.
Gli ex abitanti della DDR (oggi un deserto improduttivo - viene paragonato al nostro Mezzogiorno - pieno di odi e rancori) rimpiangono amaramente i vecchi tempi: quelli di prima del Muro. "Allora non possedevamo la Golf o la BMW, ma non avevamo neanche i debiti e lo stress non sapevamo neppure cosa fosse."
In quanto ai tedeschi occidentali, già dopo i primissimi entusiasmi, rifiutandosi di riconoscere come loro connazionali i tedeschi "dell'altra parte" (che, tra le altre cose, parlavano in maniera semi-incomprensibile e con accenti strani), implorarono - e implorano - ad alta voce: "Il Muro? Ricostruitelo! E ricostruitelo più alto di prima."
  


Commento di

"anonimo"

http://riccardo-uccheddu.blogspot.com

Condivido in toto!
Nella Ddr e più in generale nel blocco socialista esisteva forse meno lusso, ma del resto, il lusso... a che cavolo serve?!
Ho letto l'autodifesapronunciata da Honecker davanti ai giudici di Berlino e tra le altre cose, ho scoperto che in confromnto alla Brd, alla Ddr furono imposte riparazioni di guerra ben più pesanti.
Poi i DIRITTI erano rispettati... ora, i diritti ed il tanto decantato Stato di diritto sono solo una presa in giro.
Se ti va bene, a quasi 50 anni puoi accontentarti di un lavoro da precario... e precaria è anche la tua vita.
Già Wolf Biermann nel libro "Il coniglio divora il serpente" denunciava il sacco che si stava facendo delle strutture industriali della Ddr...
Un caro saluto e complimenti per questo coraggioso ed intelligente post!
Riccardo

Ecco l'indirizzo del mio blog
riccardo-uccheddu.blogspot.com







******

LINKS UTILI

La Caduta del Muro su Euronews Italia


Leggi l'articolo (in italiano) sul fenomeno della "Ostalgie" (= nostalgia per la Germania Est)

oppure

questo articolo in inglese.

....Riflettete su questa frase di Michael Moore e diffondetela