sabato, gennaio 26, 2008

Ancora su 'I Canachi'

Allora, c'è questo mio romanzo sull'emigrazione italiana in Germania che reca il titolo I Canachi, reperibile sia online sia in versione cartacea. Ha una gestazione ultraventennale. Nel 1986, quando andai a vivere insieme a Mary, era un brogliaccio di circa 400 pagine manoscritte, assemblate durante i cinque anni trascorsi come lavapiatti, pizzaiolo e cuoco Don Juan. Pian piano ricopiai il tutto con una macchina da scrivere "Triumph" acquistata presso un mercatino delle pulci. Negli anni Novanta nacque la versione elettronica del romanzo (sul mio primo PC, un 486 DX), e intanto le pagine erano diventate 300. La revisione definitiva risale al 2006, e le ultime lievi corretture le ho effettuate nel 2007.

Ogni tanto ricevo e-mails perlopiù entusiaste di lettori di ogni età. Ricordo ad esempio uno scambio di corrispondenza con un giovane che lesse I Canachi proprio alla vigilia del suo trasferimento ad Amburgo... "Mi ha fatto ridere e piangere" affermava nelle sue prime righe a me indirizzate, evidentemente riconoscendo qualcosa di sé in Marco, il protagonista. Quel lettore era poco più che ventenne e dalle sue e-missive capii che possedeva una cultura davvero enorme: aveva letto di tutto nella sua vita, eppure era destinato ad andare a lavorare in Germania come lustrabicchieri; se non sbaglio, in un ristorante di proprietà dello zio.

Ma i riconoscimenti davvero inaspettati - quanto oltremodo graditi - sono quelli che provengono dal mondo accademico. Dopo essere stato citato nel saggio di un docente dell'Università di Bari (Pasquale Gallo: "Multikulti-Zoo". Kanak Sprak di Feridun Zaimoglu e il contesto semasiologico (post-)coloniale, apparso sulla rivista Links, iv - 2004), ecco che Anne-Teresa Patt, studentessa di Letteratura e di Scienze dei Media e della Comunicazione, decide di discuterlo in un seminario sull'emigrazione e sulla cultura italiana (o forse semplicemente sulla cultura dell'emigrazione italiana) tenuto all'Università di Siegen dalla Dottoressa Laura Roman del Prete.

Grandi successi in piccoli teatri...

1 commento:

gianluca ha detto...

ciao, dato che ho acquistato un dominio personale; ti volevo chiedere di cambiare l'indirizzo del blog [R]EVOLUTION da gianluca-revolution.blogspot.com a:

www.gianlucapistore.com

grazie ciao :)